Cesare deve morire. Viva i fratelli Taviani!

Non senza riserve l’altra sera mi sono fatta trascinare dagli amici al cinema di Moretti, Il Nuovo Sacher, a Roma.

“Andiamo a vedere un film!” suona ancora bene alla mie orecchie, ma se il film è italiano mi ci devono portare di peso, al cinema, anche se il film è raccomandato da Moretti in persona, come in questo caso.

Troppe le fregature negli ultimi anni. Ma ci sono le eccezioni. E il film dei Taviani non solo era una bellssima eccezione ma senza dubbio tra i film più belli che ho visto in tutta la mia vita: Cesare deve morire. Un capolavoro! Regia, attori, riprese, musiche.

Il film, in gran parte girato in un commovente bianco e nero, è stato realizzato in poche settimane nel braccio di sicurezza del carcere di Rebibbia, a Roma. Con attori interpreti che sono anche carcerati (alcuni di loro condannati all’ergastolo), con la passione per il teatro scoperta e coltivata grazie ad un laboratorio teatrale condotto dal regista Fabio Cavalli. Un teatro fatto di passione, un teatro che “rende liberi”. Le loro interpretazioni sin dai provini iniziali assicurano brividi lungo tutto il corpo per tutta la durata del film.

A sentire i Taviani questo film è nato dalla crisi. Non solo quella economica ma anche quella dei sentimenti. Tutto nasce dall’invito di una loro amica che li porterà in carcere alla ricerca di emozioni (“Volete piangere a teatro?”). Ed è proprio grazie a questa ricerca che troveranno i protagonisti di quello che sarà il film premiato a Berlino con l’Orso d’oro.

I detenuti ti fanno uscire dalla prigione, ti portano oltre le sbarre a perquisire la vita e tutti i mali dell’uomo, il pretesto è Shakespeare: la vendetta, l’omicidio, la codardia. Poi a sipario calato si torna in cella e qui, prima dei titoli di coda, il miracolo della messa in scena si realizza: “Da quando ho scoperto l’arte questa cella è diventata una prigione”.

Da vedere!

(Fonte foto: http://www.cinemavistodame.com/2012/02/18/i-fratelli-taviani-vincono-lorso-doro-di-berlino/
http://www.e20romagna.it/articolo.php?articolo=15443)

Annunci

Fatti sentire

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: